LUCIDA ANALISI DEL PRESENTE PSICO-CULTURALE ODIERNO di Daniela Ranieri

Jaytalking con Daniela Ranieri

LA PORTA: Alla ricerca del nostro jaytalking (il parlare – e pensare – fuori dalle convenzioni) abbiamo incontrato Daniela Ranieri, che  ha pubblicato un romanzo  – Tutto cospira a tacere di noi – e un saggio sui nuovi radical chic, Aristodem. Discorso sui nuovi radical, mix di immaginazione sociologia e satira culturale  ambientato nel sottobosco mondano-intellettuale di Roma (nell’esclusivo rione Monti). Memorabili  certi dialoghetti e scambi  di battute,  tra cui:  “La domenica abbiamo scoperto quanto è salutare andare a messa. Poi a Monti hanno l’ostia di kamut”.  Nel ritratto di questa  middle class  cinica e sentimentale, infarcita di citazioni e di cibo raffinato,  ne viene sottolineata la frivolezza unita a impegno pseudorivoluzionario,  il gusto dell’apocalisse  e  la “vigliaccheria” di chi alla fine parla sempre d’altro.
Questo ceto che tu  descrivi  con precisione  in AristoDem con   e  che è stato chiamato in vari modi (radical chic, ceto riflessivo, etc.) tende a coincidere con la sinistra? se sì non è questa una delle ragioni del fallimento della sinistra in Occidente?

Gli AristoDem protagonisti del mio libro riproducono solo stilemi superficiali di una sinistra degli affetti, più sentimentale che politica, avvitata attorno alle proprie ipocrisie, ai propri tic culturali, alla propria pretesa distinzione, per restare però al riparo dal conflitto a cui essere davvero di sinistra costringe rispetto alla società. Questi difetti sono stati anche quelli della classe politica cosiddetta di sinistra italiana, che ha fallito proprio nella perdita del suo popolo per inseguire l’idea di una pretesa superiorità.

 

2  A volte mi sembra che l’unico “valore” da difendere sia quello dell’individuo, non il soggetto borghese sigillato nei suoi privilegi, ma l’individuo libertario, idiosincratico, intrattabile, che dice no al potere

Quella del soggetto “sovrano” è una fase che viene dopo quella del riconoscimento di una comunità (come insegnano i surrealisti, da Bataille a Blanchot). Noi occidentali siamo regrediti alla fase infantile della società: individualisti, non solidali, ma pronti a delegare il potere a chiunque si dimostri forte e spregiudicato.

 

3  La letteratura è diventata un consumo tra gli altri, del tutto depotenziata, e può accadere di sentir dire che Primo Levi è “intrigante”. In un contesto del genere forse non è nemmeno opportuno promuovere la lettura in quanto tale, come valore in sé

Non credo che la lettura vada promossa. Se entriamo nella didattica e nella prescrizione, siamo già fuori dal miracolo che l’incontro con un libro e un autore può provocare. Non mi interessa che chi non trova alcun piacere nella letteratura si metta a leggere, in virtù di un precetto salutistico o di evoluzione morale. Perciò è del tutto fisiologico che se una società si degrada la sua letteratura finisca per essere un bene di consumo tra gli altri e Primo Levi sia intrigante.

4  Walter Siti dice che oggi  il problema, nel guardarsi la sera allo specchio (e approvarsi), consiste in ciò:  ciascuno di noi è così frammentato che  a specchiarsi è un “kit di individualità”(da montare e ricombinare). Mi sembra quasi che l’io diviso o destrutturato delle avanguardie sia divenuto di massa! Ora, ti chiedo: un conto riconoscere che siamo tutti immersi nella frammentazione e un conto avere la frammentazione come  meta e obiettivo, no?

Questa cosa dell’Io frammentato andava molto di moda nelle università fino al 2001-2001. Era tutta la contro-etica del post-moderno che sturava un’immaginario consolante perché cinicamente sconsolato. Credo che oggi molte persone non si possano nemmeno più permettere di ragionare sulla propria identità; credo che sempre più persone siano costrette dentro un destino, monolitico, pesante, immobile. Da qui l’impressione della frammentarietà che molte solitudini fanno agli occhi di chi osserva. Ma sono osservazioni da privilegiati.

1 Response

  1. Damiani scrive:

    GRANDE. LUCIDISSIMA. GIUSTAMENTE SPIETATA CON LA FECCIA EMERGENTE E RISTAGNANTE!

I vostri commenti possono essere siglati da uno pseudonimo, garantiamo l’anonimato a chi ce lo richiede.


Rispondi a Damiani Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *